Brioche Siciliane (dette BRIOCHE col TUPPO)

Preparazione Brioche Siciliane | 26/02/2015

Le "brioche col tuppo" sono un vanto della pasticceria siciliana, soffici e golose si gustano in tutta l'isola generalmente accompagnate da gelato o meglio da un'altra delizia tipica: la granita.
Il nome di queste brioche deriva dalla loro forma che ricorda il tradizionale chignon basso che le donne siciliane portavano un tempo e che nel dialetto regionale si chiama appunto "tuppo".
In origine le brioche col tuppo venivano preparate con lo strutto, oggi sostituito dal burro che conferisce un sapore più dolce e delicato.
Portate in tavola i sapori della siciliana iniziando dalla colazione: brioche col tuppo e granita alle mandorle, per una colazione golosa e diversa dal solito!


**Le dosi indicate sono per 10 BRIOCHE
- Farina tipo 00: 550 g
- Lievito di birra fresco: 15 g (oppure in polvere 5 g)
- Sale: 15 g
- Burro: 350 g
- Latte tiepido: 70 ml


PER SPENNELLARE
- Uova: 1 tuorlo
- Panna fresca liquida: 2 cucchiai


PREPARAZIONE
1. Per realizzare le "brioche col tuppo" iniziate setacciando la farina; questa operazione è importante perché permette di eliminare grumi ed impurità. Poi ponetela in una planetaria munita di gancio aggiungete lo zucchero, il sale e il lievito in polvere. Se avete il lievito di birra fresco, scioglietelo nel latte tiepido e incorporatelo al composto.
2. Azionate la macchina e unite le uova a temperatura ambiente avendo cura di incorporarle una alla volta, versate il latte tiepido (nel caso abbiate usato il lievito in polvere) e continuate ad impastare finché il composto non si incorderà al gancio. Tagliate il burro morbido a cubetti e incorporatelo un pò alla volta, aspettando che si assorba il pezzetto precedente prima di aggiungere il successivo. Questa operazione richiederà almeno 30 minuti, quando l'impasto sarà bene amalgamato versatelo all'interno di una ciotola, copritelo con la pellicola e lasciatelo lievitare per circa 3 ore a temperatura ambiente.
3. Trascorso il tempo indicato, riponetelo in frigorifero per altre 12 ore (raccomandiamo di non superare le 24 ore), poiché l'impasto contiene molto burro il freddo aiuterà a lavorarlo meglio.
4. Passato il tempo necessario, prendete l'impasto lievitato e lavoratelo immediatamente da freddo: ponetelo su una spianatoia leggermente infarinata
dategli la forma di un filone da cui ricavare 10 pezzi uguali del peso di circa 100 gr ciascuno e fate delle palle, da queste singole palle ricavatene 10 più piccole (circa 20 g cad.); queste sarebbero il "tuppo" delle nostre brioche.
5. Una volta realizzata le palle e le palline, create una concavità dove andrete a inserire, appunto, le palline.
6. Una volta data la forma del tuppo alla nostra brioche, ponete le brioche su una leccarda rivestita con carta da forno, spennellate la superficie con del tuorlo sbattuto con la panna. Non ponete più di 5 brioche su ogni leccarda (una in ogni angolo della carta e una al centro) perché raddoppieranno il loro volume durante la lievitazione e poi in cottura.
Ponete ora le brioche col tuppo a lievitare per 1 ore e 30 minuti in forno spento con la luce accesa. Poi cuocete in forno ventilato preriscaldato a 160° per 25-30 minuti (oppure in forno statico a 180° per 35-40 minuti). A cottura ultimata, sfornate le brioche e lasciatele intiepidire su una gratella, infine gustate le vostre brioche col tuppo accompagnandole con le tipiche granite siciliane, come la granita alle mandorle!